Il nostro sito utilizza i cookie per monitorare il suo utilizzo e contribuire a fornire informazioni che ci permettano di migliorarne la fruizione. Se si continua a navigare si concede il permesso di utilizzare i cookie. Per saperne di più sui cookie e per imparare a modificare le impostazioni del browser da voi utilizzato potete consultare la nostra politica sui Cookie .

Artisti

Anne Shingleton

Anne Shingleton è una di quelle rare professioniste che non solo si sentono a suo agio con la tradizione della pittura ad olio ma anche con la scultura in bronzo.

La natura è la sua ispirazione , come Anne spiega : “posso esprimere il mio amore per la luce del sole e per i colori attraverso la pittura ad olio ma lavorare in tre dimensioni mi permette di esplorare la bellezza del movimento , della forma e delle superfici.

L’amore di Anne per il mondo naturale deriva dalla sua infanzia e dagli anni passati nella fattoria dei genitori  a Dorset UK, nonché dalla sua precoce passione per il disegno.

Tutto questo la portò a studiare per una Laurea in Scienze Zoologiche con i seguenti 2 anni di specializzazione in illustrazione presso l’Università d’Arte.

Dal 1980 studiò ancora 2 anni sotto la famosa insegnante d’Arte Nerina Simi (1890-1987) a Firenze, Italy.

Apprezzando la ricca cultura Italiana (in particolare la fonderia ed i valenti artigiani), e la meravigliosa luce mediterranea , fece della Toscana la sua terra.

La conoscenza di Anne ed il rispetto per il mondo animale è tale che l’Artista è capace di entrare nella loro realtà quotidiana. Sembra che Anne capisca le loro paure , i limiti e le loro lotte quotidiane per la sopravvivenza. Prima di creare ogni pezzo, lei studia a lungo gli animali in vita e la loro anatomia.

In gran parte dei lavori di Anne , ci sono nascosti richiami al puro realismo. Per lei è un divertimento  creare storie dietro ogni tipologia di animale, le sue opere non sono semplici ritratti. Usa il bronzo come da sempre è usato per grandi capolavori a soggetto animale, fieri leoni e maestosi monumenti equestri, ma queste stesse opere diventano al contempo pezzi “da conversazione”.