Il nostro sito utilizza i cookie per monitorare il suo utilizzo e contribuire a fornire informazioni che ci permettano di migliorarne la fruizione. Se si continua a navigare si concede il permesso di utilizzare i cookie. Per saperne di più sui cookie e per imparare a modificare le impostazioni del browser da voi utilizzato potete consultare la nostra politica sui Cookie .

wechat QR code

Artisti

Ugo Riva

UGO RIVA

Ugo Riva, fra i grandi rappresentanti della scultura contemporanea, è' un Artista complesso, ma vero, uno che si "sporca le mani", come si definisce nella sua ultima pubblicazione, che opera direttamete ed esclusivamente sull 'opera affidando ad altri solo lo specifico momento della fusione. Ritocca e rielabora personalmente le cere e pure le patine sono di sua mano così  che le opere risultino assolutamente esemplari  unici.
Le opere non nascono di getto, ma sono frutto di meditazione, talvolta di lacerazione.

Ugo Riva vive e lavora a Bergamo.

Le donne di Ugo Riva sono bellissime e sensuali, spesso vestite di abiti leggeri, come fossero mossi dal vento. Queste donne entrano nello spazio con eleganza e dinamismo, facendoci dimenticare la loro essenza di bronzo per portarle in vita. Ci osservano da lontano, in un luogo che sembra fuori dal tempo e dal presente, ma pieno di pensieri devianti che sono indifferenti alla bellezza effimera. Riva ama giocare con le sue sculture. Uno dei temi a lui caro è la maternità che spesso ha rappresentato come un viaggio interiore di grande profondità, un’esperienza che può portare alla pacificazione di difficili relazioni personali. Un altro dei suoi temi ricorrenti sono gli angeli, che rappresentano un legame fra il cielo e la terra. Figure che da un lato proteggono e dall’altro ci danno l possibilità di volare. Riva spesso rappresenta i suoi angeli in coppia e li mostra come degli esseri fisici. Spesso essi sono angeli caduti e che dentro una gabbia, ma proprio per questo ci appaiono così belli: sembrano quasi umani. Le loro ali sono piccole e quasi invisibili e i loro piedi sono rappresentati in un momento ambiguo; non si comprende se essi stiano per toccare terra o per spiccare il volo.